Ero straniero Week alla Casa della carità

Banchetti straordinari e tre giorni di iniziative con Lella Costa, don Virginio Colmegna, Roger Richard, Sara Donzelli, Giorgio Zorcù e Omar Suso.

La settimana di mobilitazione straordinaria per la campagna Ero straniero – L’umanità che fa bene arriva anche alla Casa della carità. Con tavoli di raccolta firme per tutta la settimana e una serie di eventi nel fine settimana.

Da lunedì 25 a sabato 30 settembre, tutti i giorni, dalle 9.30 alle 17.30, infatti, sarà possibile raccogliere firme per la legge di iniziativa popolare della nostra campagna alla sede della Casa della carità, in via Francesco Brambilla 10, a Milano.

Allo stesso modo, come era successo per il lancio milanese lo scorso maggio, si potrà firmare anche a ChiamaMilano, da lunedì a venerdì dalle 10 alle 20 e il sabato dalle 12 alle 20.

Non è finita. Sempre in via Brambilla 10, nel nostro auditorium, sono in programma tre serate di incontri, teatro, musica e cibo da condividere.

  • Giovedì 28 settembre, ore 21.00 – Ero straniero: un dialogo a più voci
    L’attrice Lella Costa dialoga con don Virginio Colmegna, presidente della Casa della carità, e Roger Richard, dell’Associazione Città Mondo sui temi dell’accoglienza, dell’inclusione e del dialogo interculturale.

 

  • Venerdì 29 settembre, ore 20.00 – Cena meticcia e serata musicale
    Musica e cibo meticci con operatori, volontari e ospiti della Casa della carità per una serata di condivisione e divertimento. Per la cena, prenotazioni all’indirizzo mail [email protected] 

 

  • Sabato 30 settembre, ore 21.00 – “Lampedusa Beach”
    Lettura scenica di Sara Donzelli del testo teatrale “Lampedusa Beach” di Lina Prosa, a cura di Giorgio Zorcù, Accademia Mutamenti.

Chiude la serata Omar Suso, suonatore gambiano di Kora, strumento musicale tradizionale dell’Africa Occidentale.

“Lampedusa Beach” è il primo dei tre testi della “Trilogia del naufragio” di Lina Prosa. È un monologo sulla storia di Shauba, una giovane africana: mentre il corpo sprofonda negli abissi al largo di Lampedusa, rievoca boccheggiando, in quegli attimi eterni, i momenti di quel viaggio epico.

“Per tutta questa settimana vogliamo ribadire il messaggio chiave di questa campagna: ogni volta che ragioniamo insieme sui temi della regolarizzazione, della cittadinanza, della capacità di creare percorsi di inclusione attraverso il lavoro, interrompiamo la cultura del rifiuto e creiamo coesione sociale”, spiega don Virginio Colmegna, presidente della Casa della carità.

“Ci piaceva poi concludere la Ero Straniero Week con tre serate di festa, che coinvolgeranno artisti e intellettuali, i nostri ospiti e, mi auguro, tanti cittadini milanesi, anche quelli che ancora impropriamente sono chiamati stranieri ma che ormai sono parte integrante della città. Invito tutti a partecipare, soprattutto coloro che non hanno ancora firmato”.

 

Cosa puoi fare tu!

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *