La Campagna Ero straniero compie un anno!

I promotori rilanciano i contenuti della proposta di legge di iniziativa popolare

Esattamente un anno fa, il 27 ottobre 2017, abbiamo consegnato al Parlamento le 90.000 firme raccolte con la campagna “Ero straniero – L’umanità che fa bene” su una proposta di legge d’iniziativa popolare per cambiare le politiche sull’immigrazione e superare la legge Bossi-Fini. Una campagna impegnata anche sul piano culturale, che ha unito centinaia di realtà diverse in tutta Italia, laiche e religiose, e che ha dato voce a quella parte del Paese che rifiuta la politica dei muri e crede che il fenomeno migratorio vada governato tenendo insieme legalità, diritti e coesione sociale.

A un anno di distanza, il clima nel Paese è profondamente cambiato. Come in altre parti d’Europa, anche in Italia trovano consenso atteggiamenti di chiusura nei confronti dei migranti che legittimano politiche sempre più restrittive. In questo contesto si inserisce la proposta del governo per un “decreto sicurezza”, in questi giorni al Senato per la conversione in legge. Leggi tutto “La Campagna Ero straniero compie un anno!”

Share

Con l’umanità che soffre per salvare la nostra

Pubblichiamo di seguito l’editoriale scritto per Avvenire dal presidente della Casa della carità don Virginio Colmegna,  da padre Claudio Gnesotto dell’Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo, padre Camillo Ripamonti del Centro Astalli, don Armando Zappolini di Cnca – Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza

Porti che si chiudono. Muri che si alzano. Frontiere che ritornano. Centinaia di disperati in fuga dalla guerra, dalla povertà, dalla fame non sono più accolti come persone, ma considerati una massa indistinta da respingere, numeri senza volto da dislocare. Le motivazioni che spingono uomini, donne e bambini a lasciare tutto e ad attraversare il deserto e il mare a rischio della vita, le loro storie, le loro aspirazioni, sembrano interessare a pochi. Leggi tutto “Con l’umanità che soffre per salvare la nostra”

Share

Ero Straniero, un impegno che non scade!

Fondazione Casa della carità e Accademia della carità invitano a un incontro pubblico per rilanciare gli obiettivi culturali e politici dell’accoglienza dei migranti. 

Mercoledì 30 maggio – ore 18.00
Auditorium Casa della carità – via Francesco Brambilla, 10
Milano

In un momento in cui si prospettano scelte politiche di forte chiusura in tema di immigrazione e accoglienza non ci rassegniamo a veder vanificato l’impegno collettivo di migliaia di persone che hanno raccolto firme e organizzato incontri e manifestazioni con l’obiettivo di cambiare la legge sull’immigrazione e la narrazione del fenomeno migratorio, affermando una cultura dell’accoglienza più giusta e più equa, che sappia rispondere al meglio alle nuove sfide che le migrazioni ci pongono.

Per dibattere su come andare avanti e individuare nuove azioni per contrastare una politica che vuole che i migranti restino “stranieri” e senza diritti, ci troviamo mercoledì 30 maggio alle ore 18 alla Casa della carità.

Ci aiuteranno a riflettere:
don Virginio Colmegna, presidente della Fondazione Casa della carità,
Chiara Favilli, docente di Diritto dell’Unione Europea all’Università di Firenze,
Livio Neri, avvocato dell’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione
Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche Sociali del Comune di Milano.

L’evento è inserito nella rassegna “Insieme senza muri”, promossa dall’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Milano. Per info: www.insiemesenzamuri.it

Vi invitiamo a diffondere questo invito a chiunque riteniate interessato.

Per maggiori informazioni sull’evento: [email protected]

Share

Ero Straniero compie un anno!

Ero Straniero compie un anno!

Il 12 aprile 2017, infatti, insieme ad Acli, Arci, ASGI, A Buon Diritto, Centro Astalli, CILD, Cnca e Radicali Italiani abbiamo lanciato la nostra campagna culturale per cambiare la narrazione sul fenomeno migratorio e una proposta di legge di iniziativa popolare per superare la Bossi-Fini, che ha ottenuto la firma di 90mila cittadini.

La presentazione di Ero Straniero al Senato, il 12 aprile 2017

Il regalo più bello che chiediamo per questo compleanno è che la nostra proposta, che vuole regolare l’immigrazione puntando su accoglienzalavoro e inclusione, venga al più presto discussa dal nuovo Parlamento.

Share

Via libera della Camera alle firme di Ero Straniero!

Gli uffici della Camera dei Deputati hanno dato il via libera al termine delle verifiche sulle firme depositate a sostegno della legge di iniziativa popolare “Ero straniero – L’umanità che fa bene”, e il testo è stato già assegnato alla prima commissione Affari Costituzionali.  Anche se difficilmente potrà essere discussa in questa legislatura, sarà tra le prime proposte di legge che il prossimo Parlamento sarà chiamato a esaminare.

Leggi tutto “Via libera della Camera alle firme di Ero Straniero!”

Share

Ero Straniero si chiude con un grandissimo successo: consegnate alla Camera oltre 85mila firme

Si chiude con un grande successo la campagna “Ero straniero – L’umanità che fa bene”. Sono oltre 85mila le firme raccolte nei sei mesi a disposizione, e consegnate oggi alla Camera dei Deputati, a sostegno della legge di iniziativa popolare per cambiare politiche sull’immigrazione e superare la Bossi-Fini, promossa da Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani”, Radicali Italiani ed Emma Bonino, ACLI, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA, A Buon Diritto, CILD con il sostegno di centinaia di sindaci e di associazioni. Un risultato che va ben oltre l’obiettivo minimo delle 50.000 sottoscrizioni necessarie, in base alla Costituzione italiana, per portare la legge all’attenzione del Parlamento. Leggi tutto “Ero Straniero si chiude con un grandissimo successo: consegnate alla Camera oltre 85mila firme”

Share

Ero straniero. L’umanità che fa bene. Firme per un’Italia e un mondo più giusti

Nel giorno della consegna delle firme alla Camera, sulle pagine di Avvenire una riflessione sul senso della campagna Ero straniero firmata dal presidente del Centro Astalli padre Camillo Ripamonti e dal nostro presidente don Virginio Colmegna

***

Si conclude oggi la campagna Ero straniero. L’umanità che fa bene per la presentazione di una legge di iniziativa popolare che adegui la legislazione italiana sull’immigrazione al cambiamento delle caratteristiche dei flussi migratori. Siamo riusciti a arrivare a oltre 85mila mila firme in un tempo che potremmo definire strumentalmente ostile verso le persone immigrate. Nell’era del digitale, lo abbiamo fatto attraverso una modalità di vera democrazia partecipata, scendendo nelle piazze, coinvolgendo le parrocchie, incontrando la gente, ascoltando e proponendo, cercando di alimentare il dibattito e il confronto invece della polemica e dello scontro, chiedendo di apporre una firma per la proposta di legge. Non abbiamo chiesto una delega in bianco, ma l’assunzione di responsabilità personale per un futuro che può cambiare solo partendo da ciascuno di noi.

Lo abbiamo voluto fare certi che è sempre più urgente promuovere un vero cambiamento. Un cambiamento culturale che cominci tenendo in considerazione le paure della gente, partendo dalla “pancia” per arrivare fino alla testa e al cuore.  Un cambiamento pratico che diffonda quelle buone prassi che esistono, ma faticano a essere replicate. Leggi tutto “Ero straniero. L’umanità che fa bene. Firme per un’Italia e un mondo più giusti”

Share

Si firma nei Municipi fino al 17 ottobre

Sta giungendo al termine la raccolta di raccolta firme per sostenere la legge di iniziativa popolare promossa dalla campagna Ero straniero – L’umanità che fa bene“, per cambiare le politiche sull’immigrazione e superare la legge Bossi-Fini investendo su lavoro e inclusione.

Sono però ancora tanti i banchetti che si tengono ogni giorno in tutta Italia

A Milano è possibile firmare anche nei nove municipi della città e all’anagrafe centrale di via Larga fino a martedì 17 ottobre con i seguenti orari: Leggi tutto “Si firma nei Municipi fino al 17 ottobre”

Share

Ero straniero… ora sono milanese!

Metti uno scrittore italiano nato in Senegal, le cui storie partono dall’Africa e arrivano all’Europa, travalicando i confini fisici e linguistici. Metti un rapper milanese con genitori siriani, che con le sue rime in italiano e in arabo racconta cosa vuol dire sentirsi un cittadino del mondo. Metti una banda che con i suoi ottoni dà voce agli ultimi, ai diritti, alla pace. Metti un’amicizia nata intorno alla passione per la musica, diventata una vera e propria ensemble con musicisti di ogni età.

Loro sono Pap Khouma, Zanko El Arabe Blanco, la Banda degli Ottoni a Scoppio e la Banda Dehors: artisti, italiani di nascita e d’adozione, protagonisti della vita culturale della città, portatori di bellezza e di una cultura cosmopolita fatta di accoglienza, inclusione, uguaglianza.

Tutti insieme, sabato 16 settembre a partire dalle 13, presso il giardino condiviso Isola Pepe Verde di Milano, daranno vita a “Ero straniero… ora sono milanese!”, una giornata di festa, arte, musica e cultura meticce, a sostegno della nostra campagna . Leggi tutto “Ero straniero… ora sono milanese!”

Share